JiscMail Logo
Email discussion lists for the UK Education and Research communities

Help for ASMI Archives


ASMI Archives

ASMI Archives


ASMI@JISCMAIL.AC.UK


View:

Message:

[

First

|

Previous

|

Next

|

Last

]

By Topic:

[

First

|

Previous

|

Next

|

Last

]

By Author:

[

First

|

Previous

|

Next

|

Last

]

Font:

Proportional Font

LISTSERV Archives

LISTSERV Archives

ASMI Home

ASMI Home

ASMI  September 2002

ASMI September 2002

Options

Subscribe or Unsubscribe

Subscribe or Unsubscribe

Log In

Log In

Get Password

Get Password

Subject:

Articolo da www.unita.it

From:

"[log in to unmask]" <[log in to unmask]>

Reply-To:

Association for the Study of Modern Italy scholarly discussion list <[log in to unmask]>

Date:

Wed, 25 Sep 2002 12:51:02 +0200

Content-Type:

text/plain

Parts/Attachments:

Parts/Attachments

text/plain (27 lines)

Ciao ,
 ti segnala questo articolo pubblicato sul sito http://www.unita.it

___________________________________________________________________
Cominciano a riscrivere la storia
di Nicola Tranfaglia

Frequento da più di trent''anni l’Archivio Centrale dello Stato che custodisce i documenti e le memorie della nostra storia nazionale a partire dal 1860 ed è uno dei migliori archivi pubblici italiani, tanto da ospitare ogni giorno studiosi provenienti dall’Europa e del resto del mondo che studiano le vicende del nostro Paese. Negli ultimi cinque anni, grazie alla direzione di Paola Carucci che è professore di Archivistica presso l’Università di Roma La Sapienza, l’Archivio Centrale si è evoluto e modernizzato, sia dal punto di vista della strumentazione tecnica, sia delle iniziative culturali, di cui l’ultima è stata due mesi fa, la grande mostra su Carlo e Nello Rosselli nei documenti dell’Archivio. Sabato scorso Paola Carucci ha ricevuto una breve lettera dal ministro Urbani che, richiamandosi alla legge del luglio scorso di Frattini sugli alti dirigenti altrimenti detta “spoil system” che consente ai ministri di sostituire alti dirigenti qualora, a loro avviso, non conseguano gli obbiettivi indicati dai ministri nei loro documenti e atti di indirizzo, l’ha destituita.
Un principio che, se interpretato con correttezza, ha una sua giustificazione ma che nel nostro paese e con una classe politica di governo che ha già dimostrato in numerose occasioni di avere uno scarso senso dell’istituzione e che si lascia guidare assai spesso da spinte clientelari o di fedeltà politica, nel senso più ristretto del termine, sta producendo nel corpo dello Stato conseguenze disastrose di cui soffriranno soprattutto gli utenti cioè i cittadini. È della settimana scorsa la decisione del ministro dell’Istruzione e dell’Università Letizia Moratti di sostituire quindici direttori dell’istruzione regionali su diciannove secondo criteri di appartenenza politica e nei fatti di minor preparazione ed esperienza professionale.
E arriva oggi il provvedimento del ministro dei Beni Culturali Urbani che sostituisce cinque direttori generali del ministero su undici.
Il caso dell’Archivio Centrale dello Stato sembra, almeno a prima vista, il più grave sia perché Paola Carucci ha dimostrato in questi anni grandi capacità tecniche e culturali sia perché è stato chiamato a sostituirla il dottor Maurizio Fallace che è un funzionario della carriera amministrativa e che non ha, per quanto posso giudicare, nessuna particolare esperienza di tipo storico-archivistico.
Il grave è, quindi, che con questa nomina si va fatalmente a interferire sui caratteri dell’Archivio, giudicato da tutti come il maggior istituto per la ricerca storica contemporanea.Non c’è quindi da meravigliarsi se un appello è partito ieri da alcuni studiosi a difesa dei caratteri istituzionali dell’Archivio e della necessità di una direzione autorevole e competente per salvaguardare le professionalità esistenti e la tradizione di correttezza e rigore scientifico che ha sempre caratterizzato quella istituzione: crediamo che migliaia di studiosi dell’Italia contemporanea sottoscriveranno quel documento che richiama il governo e l’opinione pubblica al rispetto del livello culturale raggiunto dall’Archivio e che una politica, assunta per mere esigenze di spoyl sistem, potrebbe mettere in discussione.
La vicenda appare particolarmente preoccupante di fronte all’enorme documentazione storica custodita, decisiva per ogni ricerca sull’Italia contemporanea e alla campagna martellante condotta dai giornali e dalle televisioni che fanno capo al governo e alla cosiddetta Casa delle libertà sulla necessità di riscrivere la nostra storia e controllare addirittura l’insegnamento della storia e i libri di testo.
Del resto proprio nel luglio scorso l’on. Fabio Caragnani di Forza Italia, che tempo fa aveva acquistato una certa notorietà istituendo a Bologna un telefono verde per segnalare gli insegnanti di idee contrarie all’attuale maggioranza parlamentare, ha presentato alla Camera un progetto di legge già assegnato per la discussione alla commissione Cultura e Istruzione che si intitola «Disposizioni per l’insegnamento della storia nelle scuole di ogni ordine e grado».
Il progetto consta di un solo sibillino articolo che recita: «Nelle scuole di ogni ordine e grado l’insegnamento della storia, in particolare di quella contemporanea, deve svolgersi attraverso l’utilizzo di testi di assoluto rigore scientifico che tengano conto in modo obbiettivo di tutte le correnti culturali e di pensiero per un confronto democratico e liberale che assicuri un corretto apprendimento del passato con particolare riferimento a quello più recente». Già la formulazione dell’articolo, da parte di chi ha istituito il telefono verde per i dissenzienti, è allarmante giacché i casi sono due: o si tratta di un’affermazione banale e accettabile da tutti o si vuol affermare che i testi usati attualmente sono contrari a questi princìpi e vanno censurati o cambiati.
Ma, se si procede a leggere la breve relazione che accompagna il progetto, se ne possono cogliere meglio le intenzioni che, seguendo la via tracciata nel Lazio dall’onorevole Storace, prefigurano la necessità di un controllo dei libri di testo per evitare «falsificazioni e manipolazioni ideologiche della storia». Siamo, insomma, alla delineazione di un principio profondamente contrario allo spirito e alla lettera della costituzione che garantisce la libertà delle scienze, delle arti e del loro insegnamento (art. 33 della Costituzione).
All’intervento centralistico sull’autonomia delle scuole e degli insegnanti che per le leggi vigenti possono ogni anno scegliere liberamente i testi di storia come quelli di tutte le altre discipline insegnate nella scuola.Si tratta, a mio avviso, di un altro attacco alle libertà fondamentali degli italiani e delle nuove generazioni e di un tentativo, da parte del maggior partito della Casa delle libertà, di indottrinare gli studenti secondo linee che, invece di promuovere il libero confronto che è sempre stato in Italia tra le diverse correnti di pensiero e di interpretazioni del passato, tende a privilegiare la visione propria dell’attuale maggioranza con interventi censori nei confronti di chi non è d’accordo.
Quando più volte su questo giornale ho denunciato le tendenze al regime mediatico e poliziesco che fanno capo a Berlusconi, come ai suoi alleati, ho trovato anche nel centrosinistra interlocutori che lo negavano ma credo che di fronte a questa offensiva che parte dalle scuole e dagli archivi, e in particolare dal più importante di essi per la storia contemporanea e ora giunge in Parlamento con un progetto ambiguo, ma chiaro quanto ai suoi obbiettivi, sia il caso di riconoscere che la strategia della maggioranza procede a grandi passi e che è giunto il momento di contrastare una simile tendenza con forza e chiarezza ancora maggiore di quanto si è fatto finora.

___________________________________________________________________

se vuoi leggerlo online:
 http://www.unita.it/index.asp?SEZIONE_COD=IDEE&TOPIC_TIPO=E&TOPIC_ID=19793

 (assicurati che l'indirizzo qui sopra sia riportato per intero nel browser)

Vieni a trovarci su http://www.unita.it

Top of Message | Previous Page | Permalink

JiscMail Tools


RSS Feeds and Sharing


Advanced Options


Archives

June 2018
February 2018
January 2018
November 2017
October 2017
September 2017
August 2017
July 2017
June 2017
March 2017
February 2017
December 2016
October 2016
June 2016
February 2016
December 2015
November 2015
September 2015
August 2015
July 2015
June 2015
May 2015
March 2015
January 2015
December 2014
November 2014
October 2014
September 2014
August 2014
July 2014
June 2014
May 2014
March 2014
February 2014
November 2013
October 2013
June 2013
March 2013
February 2013
October 2012
August 2012
July 2012
June 2012
April 2012
February 2012
January 2012
November 2011
September 2011
June 2011
April 2011
March 2011
February 2011
January 2011
December 2010
November 2010
October 2010
July 2010
May 2010
April 2010
March 2010
January 2010
December 2009
November 2009
October 2009
September 2009
June 2009
May 2009
April 2009
March 2009
February 2009
January 2009
December 2008
November 2008
October 2008
September 2008
August 2008
July 2008
June 2008
May 2008
April 2008
March 2008
February 2008
January 2008
December 2007
November 2007
October 2007
September 2007
August 2007
July 2007
June 2007
May 2007
April 2007
March 2007
February 2007
January 2007
December 2006
October 2006
September 2006
August 2006
June 2006
May 2006
April 2006
March 2006
February 2006
December 2005
November 2005
October 2005
September 2005
August 2005
May 2005
April 2005
March 2005
February 2005
January 2005
December 2004
November 2004
September 2004
August 2004
June 2004
May 2004
April 2004
March 2004
February 2004
January 2004
December 2003
November 2003
October 2003
September 2003
August 2003
June 2003
May 2003
April 2003
March 2003
February 2003
January 2003
November 2002
October 2002
September 2002
August 2002
June 2002
May 2002
April 2002
March 2002
February 2002
January 2002
December 2001
October 2001
September 2001
April 2001
November 2000
October 2000
September 2000
February 2000
January 2000
November 1999
October 1999
September 1999
March 1999
January 1999
December 1998
November 1998


JiscMail is a Jisc service.

View our service policies at https://www.jiscmail.ac.uk/policyandsecurity/ and Jisc's privacy policy at https://www.jisc.ac.uk/website/privacy-notice

Secured by F-Secure Anti-Virus CataList Email List Search Powered by the LISTSERV Email List Manager